Trapani, che caos! Una società-modello in continua confusione

Ragionando su tutto quello che è accaduto negli ultimi giorni, mi è venuta in mente la famosa canzone di Lucio Battisti, “Confusione”. La telenovela infinita che accompagna, quotidianamente il Trapani Calcio si arricchisce di nuove puntate, di solito, sono trasmesse, una puntata al dì, ma qui si esagera, tutti non fanno mancare, la loro presenza, i mass-media e la società granata non fanno mancare alla tifoseria, nuove paure e nuovi colpi di scena. Calori no Calori si. Magalini si Magalini no. Salvatori no Salvatori si. 
C’è molta confusione correzioni in corsa e versioni da ribaltare a stretto giro di telefonate. E’ necessario che la società abbia delle idee precise e a oggi non sembra che le idee della dirigenza siano chiare e si fatica a leggervi dentro un progetto. A Trapani si regna nell’incertezza, una società che stenta a decollare e dare a tutto l’ambiente una scossa che possa far uscire tutti dallo choc della retrocessione in Serie C.
Ora mi auguro che tutto sia presto chiarito e che ritorni l’armonia e la voglia di lavorare e di migliorare il campo, ma spero che anche la società faccia la sua parte mostrando una crescita e una maturità che, almeno secondo chi vi scrive, non c’è ancora e pare invece che si sia intrapresa una strada che porterà a una situazione delicata, che non permette voli pindarici in vista del futuro e, più nello specifico, della prossima stagione.
Tutto questo avrà una fine? Chi può dirlo, di sicuro, non mancheranno altri colpi di scena. Alla prossima puntata.

Be the first to comment on "Trapani, che caos! Una società-modello in continua confusione"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*