Trapani, come può uno scoglio arginare il mare…

Continua la preparazione dei granata in vista dell’ultima gara della stagione regolare del campionato, Catanzaro-Trapani, che si disputerà domenica 5 maggio alle 18.30 presso lo Stadio “Nicola Ceravolo” di Catanzaro. Il “Provinciale” è una bolla di sapone insonorizzata, i giocatori si allenano e il mister dà le disposizioni ma l’assenza del direttore Raffaele Rubino incombe, il suo esonero è figlio di una gestione che sta continuando ad essere tutt’altro che da Trapani. Che qualcosa nel rapporto tra la nuova società e il direttore non fosse al 100% si era già capito dopo la partita di Brindisi contro la Virtus Francavilla ma nessuno poteva pensare ad una decisione del genere a poco meno di un mese dall’inizio dei playoff. Ma nonostante tutto (ma proprio tutto), sono ottimista. Perché? La squadra ha tutti i tifosi dalla loro parte e il mister, con il suo staff, saprà come rimettere in moto la macchina, saprà, al momento giusto, alzare i giri del motore per giungere alla meta e tagliare da vincitori il traguardo e poi… con questi calciatori a disposizione, (che nel corso di questa stagione più volte hanno dimostrato di avere dei valori non solo tecnico-tattico, ma anche umani, morali) tutto sarà più facile. Forza ragazzi, uno scoglio non può arginare il mare. 

 

 

Be the first to comment on "Trapani, come può uno scoglio arginare il mare…"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*